Fobie: sintomi, terapia e consigli

Nel mondo soffrono di disturbi d’ansia 264 milioni di persone con un aumento dal 2005 al 2015 del 14,9%. Spesso questi disturbi si associano a quelli depressivi (Quotidianosanità.it -24 febbraio 2017 – QS Edizioni srl).

FOBIA SOCIALE

Riguarda una forte paura di trovarsi in situazioni sociali (avere una conversazione, incontrare persone sconosciute, mangiare o bere davanti agli altri, eseguire una prestazione davanti a qualcuno, fare un discorso ecc…).

COME ACCORGERSI di avere la fobia sociale? 

Da almeno 6 mesi la persona teme di esporsi davanti agli altri, teme di agire in modo inadeguato o imbarazzante (per esempio arrossendo, tremando, sudando, inciampando ecc….) o di manifestare sintomi d’ansia che saranno valutati negativamente dalle persone. Le persone hanno paura di essere giudicate ansiose, deboli, pazze, stupide, noiose, sgradevoli. Le situazioni sociali tendono ad essere così evitate o sopportate con molta ansia. La paura causa molto disagio alla persona. Nell’ansia sociale si inquadra anche l’ evitamento di urinare nei bagni pubblici quando sono presenti altri individui. Spesso vi è ansia anticipatoria se si sa che si sarà esposti a situazioni sociali.

AGORAFOBIA

È una forte paura o ansia legate ad una di queste situazioni:

  1. uso dei trasporti pubblici
  2. trovarsi in spazi aperti (per esempio parcheggi, mercati, ponti)
  3. trovarsi in spazi chiusi (per esempio negozi, teatri, cinema)
  4. stare in fila o fra la folla
  5. essere fuori da casa da soli.

COME ACCORGERSI di soffrire di agorafobia? 

Chi soffre di agorafobia da almeno 6 mesi teme o evita alcune delle situazioni elencate a causa di pensieri legati al fatto che potrebbe essere difficile fuggire oppure che potrebbe non essere disponibile un soccorso nell’eventualità che si sviluppino sintomi simili al panico o altri sintomi imbarazzanti (come la paura di cadere, paura di essere incontinenti, paura di vomitare ecc…). La persona sente l’ansia sia quando è nella situazione agorafobica sia quando sa che dovrà affrontarla nel futuro. La persona evita le situazioni agorafobiche o richiede un accompagnatore per affrontarle. Le persone cambiano le loro routine quotidiane per evitare le situazioni temute (per esempio organizzano la consegna della spesa per non entrare nel supermercato, fanno in modo di non usare mezzi pubblici) Spesso questa fobia è associata con il DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO. 

FOBIA SPECIFICA

Vi è intensa paura verso un oggetto o una situazione (per esempio volare, altezza, animali, ricevere un’iniezione, acqua, guidare l’auto, vedere il sangue ecc….).

COME ACCORGERSI di avere una fobia specifica?

Da almeno 6 mesi la situazione o l’oggetto in questione vengono evitati (evitare significa prevenire il fatto di venire a contatto con l’oggetto o la situazione) o sopportati con grande ansia e paura. La paura è sproporzionata rispetto al pericolo reale e causa forte disagio. Il grado di paura o ansia manifestate davanti all’oggetto o situazione può variare (da ansia anticipatoria a un attacco di panico vero e proprio).

 

COME POSSO AIUTARTI se soffri di una di queste fobie

Un aspetto molto importante di cui tenere conto è una valutazione di quanto sia invalidante la fobia. Per esempio se una persona ha la fobia del volo e deve prendere l’areo per motivi di lavoro il disturbo diventa molto invalidante, se una persona non si sottopone a visite mediche per la paura il disturbo è molto invalidante, se la persona si isola per la paura del giudizio degli altri o se rende la sua vita più scomoda per evitare alcune situazioni allora il problema è invalidante.

In psicoterapia accompagno la persona ad affrontare a piccolissimi e progressivi passi la sua paura. Desensibilizzarsi poco a poco dalla paura porta a ottimi risultati terapeutici che restano poi duraturi.

CONSIGLI se soffri di una fobia

Se credi di avere una fobia intraprendi subito un percorso terapeutico per eliminarla perché

  1. i percorsi terapeutici danno ottimi risultati;
  2. se non fai nulla aumenterà nel tempo, la fobia diventerà più forte e così sarà più complesso per te affrontarla.

American Psychiatric Association. DSM-5. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. 2014 – Raffaello Cortina. 

Quotidianosanità.it (Quotidiano online d’informazione sanitaria) -24 febbraio 2017 – QS Edizioni srl

PER INFORMAZIONI O APPUNTAMENTI

Chiama allo 338 3927080 oppure invia una e-mail a simoni74@inwind.it