Uscire dalla sofferenza psichica è una questione di “buona volontà”?

Anche questo è un pregiudizio molto diffuso. Le persone che soffrono per motivi emotivi e relazionali hanno spesso l’esperienza di familiari o amici che li invitano “a reagire”, “ad impegnarsi per uscire dalla sofferenza”. In realtà uscire dal disagio non è una questione di buona volontà ma occorre la guida di un esperto così come avviene quando si va dal medico e se ne seguono le indicazioni cliniche. Spronare i propri cari a reagire alla sofferenza è controproducente perché li fa sentire a disagio se non ci riescono, quindi la loro sofferenza non fa che aumentare. Se desideriamo aiutare veramente qualcuno a cui vogliamo bene che ci rendiamo conto che soffre è bene che gli consigliamo di recarsi dallo psicologo/psicoterapeuta.

PER INFORMAZIONI O APPUNTAMENTI

Chiama allo 338 3927080 oppure invia una e-mail a simoni74@inwind.it